Web Art Movement

Evru

Evru

Spain Barcelona

Spain, Barcelona
Evru, prima conosciuto come Zush, nato come Alberto Porta (Barcellona, 1946).

Evru adottò il suo nome Zush nel 1968 quando decise di rompere col mondo quotidiano, creando un mondo parallelo chiamato Evrugo Mental State, uno Stato per il quale ha creato una moneta, una bandiera, una alfabeto, ecc. Zush ha operato sotto tale identità fino al 2001, l'anno in cui diede fine a questa personalità adottiva e prese un nuovo nome, Evru. Il suo lavoro è il tentativo di mostrare la creazione globale di un ambiente fisico e la su adozione come opera d'arte.

A parte i suoi disegni ossessivi e i libri d'artista, è anche un pioniere nell'uso delle tecnologie applicate alla creazione plastica e alla computer art, dalla seconda metà degli anni ottanta.

Ha ricevuto borse di studio da William Fulbright e dalla Fundacion March (Madrid) nel 1975 per studiare al MIT (Institute of Technology), Massachusetts, Stati Uniti, così come è stato titolare di una borsa di studio dal DAAD - Servizio Tedesco per lo Scambio Accademico, Berlino (1982-83).

Nel 1995 pubblica la sua prima pagina web nella rivista on-line [connect-arte.com], nel 1996 [evru.org]. Nel 1995 ha iniziato il suo primo CD-ROM [Psycho-Manuale-Digitale], che tiene conto della filosofia dell'artista: un essere pensante (psycho), che si avvale non solo di tutte le possibilità offerte dal suo ambiente e dal proprio corpo, per trasformare queste idee in immagini (manuale), ma anche dei vari strumenti forniti dalla tecnologia (digitale). Per questo progetto è stato premiato con il trofeo LAUS come miglior CD-Rom Artistico dell'anno 1999, dalla ADI-FAD (Barcelona).

Dal 1994 ha diretto diversi workshop sul tema "Arte assistita dal computer e "Arte della rete: web.art/net.art". Il suo lavoro è presente in molte collezioni pubbliche e private, come il MoMa e il Guggenheim Museum, New York; il Centro Georges Pompidou; il MNCARS Museo Nazionale Centro de Arte Reina Sofía, Madrid; Fondazione Cartier (Parigi); MACBA Museo d'Arte Contemporanea di Barcelona e IVAM Instituto d'Arte Moderna di Valencia (Spagna), e in molte altre.

Performance